Skip to content

PAPEROPOLI DECADENCE #2

settembre 25, 2006
Riassunto delle puntate precedenti:
Qua è misteriosamente scomparso il giorno del Ringraziamento, Quo ha finalmente scoperto la sua omosessualità nascosta, Qui si sta interrogando sulla graduale perdita dei valori che sta attraversando l’Occidente. Paperino, preoccupato per la verginità del ragazzo e per il proseguimento della specie, lo porta a prostitute, dove becca Paperina in una mise un po’ diversa dal solito.
Scuola superiore di Paperopoli. Un casermone di cemento armato e con tetti in amianto, collocato in un contesto periferico giustamente tristissimo, circondato da prigioni, condomini per le classi più degradate e parchi con gli alberi crivellati da siringhe lasciate nottetempo da qualche eroinomane non meglio identificato.
Aula 5A. In questo momento si sta svolgendo l’ora di educazione civica, ma a quanto pare la lezione stenta a decollare in maniera decente. Gli studenti si fanno i cazzi propri, c’è chi sta preparando qualche canna, chi sta sniffando nascosto dall’astuccio, chi sta limonando nell’ultimo banco, chi si sta truccando in vista della ricreazione e chi si sta tagliuzzando i polsi con un cutter. Poi c’è Qui, seduto in prima fila.
Professoressa (povera papera cinquantenne con un taglio di capelli ridicolo, la faccia storpiata da un intervento col botox riuscito decisamente male e la cellulite che risalta da sotto la minigonna): “Bene ragazzi, ora c’è un vostro compagno che vuole farvi un annuncio” e poi rivolta a Qui:”Dai, svegliati e vieni qui a dire giù le tue quattro cazzate.”
Qui, sconcertato. “Grazie prof. ” e poi, rivolto alla classe, cercando di catalizzare l’attenzione su di sè:”Oggi vi parlerò dell’importanza dei valori per noi giovani in questo decadente mondo contemporaneo!Ragazzi, stiamo smarrendo la bussola!Stiamo cedendo ai piaceri morbosi della carne, della droga, del lusso, dell’avere tutto ora e subito. E’ la società che ci impone questo assurdo modello: è il tempo di riscoprire i veri valori della vita, i veri sentimenti. L’amore, inteso nel senso cristiano e/o platonico del termine, senza allusioni sessuali, se non dopo il matrimonio, la solidarietà, la moralità, il sapere dire di no alle tentazioni…”
Studenti (quei pochi che lo ascoltavano):”Bah, tu interrompi il nostro fancazzismo per romperci i coglioni con questo torrone del cazzo?Represso di merda!Dici tanto a noi, ma pensa alla tua famiglia!Tua zia batte!Tuo zio è un maniaco!Tuo fratello si sta spupazzando tutti i paperelli delle prime classi!”
Qui, colpito al cuore:”Lo so, e ne soffro tantissimo. Sapete, io non vorrei vedere queste cose, non vi voglio vedere precipitare nel baratro con loro…la società è corrotta…” e poi, rivolto ad una compagna:”Madison, ma davvero non pensi alla tua integrità fisica e morale, ti ho vista battere qui fuori da scuola…”
Madison, sbuffando:”Che c’è di strano?Così posso comprarmi i soldi per l’hashish, o per le borsette di Gucci e Prada…lo fanno in tanti qui dentro, anche dei maschietti, lo sai, coglione?”
Studente qualunque, alzandosi in piedi:”E’ vero, anch’io batto, e non ne vedo il problema. Ora posso entrare in discoteca tutte le sere, permettermi i vestiti di D&G più tamarri e l’Ipod di ultima generazione!”
Qui, straziato:”Ma…ma..amico mio, la tua identità sessuale, non pensi a quella?Non pensi che potresti dare un dispiacere ai tuoi?”
Studente qualunque:”Bla bla bla…etero, gay o bisessuali…stupide categorizzazioni date da voi ciellini retrogradi, io vado con chi mi pare, l’importante è trombare e trarne piacere & profitto. E poi i miei genitori recitano in film porno amatoriali!” avvicinandosi al tavolo e scatarrando qualcosa di verdastro nell’occhio destro di Qui.
Qui, piangente, con il catarro che gli cola sulla faccia:”Pr…prof…la situazione è ingestibile…”
Prof:”Qui, il problema sei tu, non l’hai capito?” e poi, rivolgendosi agli studenti:”Portatelo via, quest’elemento è pericoloso e disturbatore, mi fa schifo e non lo vorrei più vedere per oggi.”
Qui, trascinato via dagli alunni:”Proooof…qualcuno la giudicherà per questo!” e poi, ormai ridotto alla pazzia, rivolto ai compagni:”Vedrete!La pagherete, quando i fanatici musulmani ci invaderanno!”
Prof, rivolta agli studenti:”Il papero straparla, vi prego zittitelo che mi fa venire mal di testa, poi per oggi ho già preso fin troppo Zoloft…vi dò un consiglio: per far star zitta i miei figli, gli spegnevo addosso le sigarette…e visto che ci siete, pisciategli addosso…tanto Qui è un perdente, a casa dirà di essere caduto nelle fogne, è già successo…”
Qualche ora dopo…
Qui varca dolorante la porta di casa, con una zampa devastata, il corpo cosparso di bruciature, il becco sfigurato e con un odorino delizioso addosso, si porta verso il salotto, dove trova Paperino seduto sul divano in una zozza maglietta della salute e con una bottiglia di birra in una mano.
Qui: “Sigh, sob. Zio…” singhiozzando stupidamente e mettendosi davanti al televisore.
Paperino: “Che puzza. Cazzo, Qui, non sarai ancora finito nelle fogne?Che nipote rincoglionito!” non accorgendosi minimamente delle ferite e delle condizioni psicofisiche del ragazzo. “Porca puttana, spostati dalla televisione, che sono qua che guardo se esce una tetta ad una delle letterine…visto che ci sei, vai in cucina a prendermi un po’ di scottex, e vedi di startene in camera tua per una buona decina di minuti. Capito, coglione?”
Annunci
11 commenti leave one →
  1. Lario3 permalink
    settembre 25, 2006 1:05 pm

    Paperino che dice le parolacce ha sempre il suo bel perchè.🙂CIAO!!!

  2. Giuy permalink
    settembre 25, 2006 3:49 pm

    e questa come l’hai partorita? Durante gli assaggi del banchetto di laurea? 😀Gheba, chissà con quali dei tuoi paperi ti identifichi. Non oso immaginarlo 🙂

  3. StephenD permalink
    settembre 25, 2006 5:22 pm

    Beh, direi che Qui se lo è proprio meritato, è veramente uno scassacoglioni. A quando un Paperoga convertito all’Islam?

  4. Ghebuz permalink
    settembre 25, 2006 5:35 pm

    @Lario3: purtroppo normalmente non possiamo gustarcelo in questi contesti così gentili e delicati…@Giuy: questa mi è venuta in mente senza un motivo particolare, un po’ come naturale prosecuzione della storia precedente. Cmq non mi identifico in nessuno dei paperi (per fortuna) 😛@StephenD: per Qui le umiliazioni non sono ancora finite, prossimamente vedrai…cmq mi hai dato un’idea fantastica!Oh oh oh!

  5. StephenD permalink
    settembre 25, 2006 6:52 pm

    Sono contento d’aver alimentato la tua fantasia malata 😀Comunque, questa tua risata alla Babbo Natale mi fa scompisciare!

  6. Ghebuz permalink
    settembre 25, 2006 7:25 pm

    @StephenD: te ne sarò riconoscente!Chissà cosa accadrà nei prossimi episodi! Oh oh oh (risata natalizia)

  7. Sere permalink
    settembre 25, 2006 8:27 pm

    Ghe, mi lasci esterrefatta! Povero Qui.. Quasi quasi faccio partire una petizione per salvarlo dalla malavita di Paperopoli!!Stronzone che non sei alto, a cazzeggiare fino al 6.. Me la pagherai.. Ah se me la pagherai!!!La mia vendetta sarà teribbbbbbile!!

  8. kiara permalink
    settembre 25, 2006 9:42 pm

    grazie mille della visita, cm sei capitato da me?bella la sotria papeoropolosa,deliziosamente cinica^^… e dire che da piccola qui era il mio preferito…ciaociao k

  9. Stefano Gallagher permalink
    settembre 25, 2006 9:48 pm

    Ahahahahha fantastico! Ci mancano solo i poliziotti corrotti!

  10. Ghebuz permalink
    settembre 26, 2006 8:43 am

    @Sere: Qui ormai è sull’orlo del baratro, sta perdendo ogni speranza e una petizione non lo salverà!Mica colpa mia se inizio lezione il 6 novembre 😛Aspetto la tua vendetta!@Kiara: mi sa che ci sono finito da un link su MulhollandDave…grazie x i complimenti x la storia!@StefanoGallagher: quelli mi mancano, però sto pensando ad un Paperone che utilizza i poliziotti per sterminare i no-global che protestano fuori dal suo deposito.

  11. Lario3 permalink
    settembre 26, 2006 2:20 pm

    Parole colme di verità 😉Grazie per il commento, CIAO!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: