Skip to content

SENZA PAROLE

aprile 4, 2007

Eccomi finalmente libbbero e felice (come una farfalla) a scrivere questo fantastico post.
Ho infatti pensato, nella mia mente bacata e fancazzista, di creare una nuova inutile rubrica, dedicata ad un’analisi semiotica dei video hip-hop più tamarri in circolazione.
Certo che non mi passa proprio per un cazzo in sti giorni, direte voi.
Siuri e siure, ecco il primo video, Dope Girl di Brooke Valentine [al secolo Kanesha Nichole Brooks ]feat. Pimp C.
Il video non ha avuto un grande successo negli Stati Uniti, il singolo collegato ha solamente raggiunto la 92esima posizione nella classifica r&b-hip hop: anche il successivo, Pimped Out, è stato un miserabile flop. Ora la povera Kanesha sarà miseramente tornata con la coda tra le gambe nel suo fantastico ghetto di Houston, e vabbè.
La prima immagine è emblematica, rappresenta un accessorio imperdibile per chi vuole diventare tamarro a tutti gli effetti: il prestigioso paradenti placcato in simil-oro o in simil-argento, un bling bling di gran classe e soprattutto adatto a praticare il sesso orale o più semplicemente, a mangiare.
Tra l’altro è lo stesso portato da sua maestà Kelis nell’avatar qui a fianco, tratto dal suo video Bossy feat. Too $hort. [Samanz, non si tratta di un bambino sdentato e non è soprattutto un messaggio sociale].
La seconda invece raffigura uno dei tanti figuranti tamarri che compaiono in questo genere di video, presenze inutili sulle quali non voglio soffermarmi oltremodo.
Passiamo ora all’analisi di lei, di Kanesha [Brooke mi fa troppo Beautiful e quindi preferisco evitare]. Che donnina di classe, che vestito raffinato e poco pacchiano, che non lascia minimamente trasparire le forme di lei (forse vere, forse no, comunque sospinte e strizzate in maniera indicibile). Praticamente un burqa.
Sullo sfondo, un’immagine carina e piacevole di un ghetto qualunque di Houston, con delle macchine pimpate e tamarre che farebbero la gioia di Xzibit, Lil’Jon , Fat Joe o di quei dementi dei Gemelli Diversi [anche se Pimp My Wheels era triste come pochi].
Riassumendo, un abbigliamento consono alla vita di tutti i giorni.
La penultima immagine si ricollega alla seconda: anche qui figuranti, ma di sesso femminile questa volta, e ovviamente ispirate a quella finezza e grazia che solo Kanesha può loro dare.
La location è sempre squallidissima, una misera casa di qualche sobborgo texano.
Ed infine, la quinta foto, che rappresenta il famosissimo rapper Pimp C: contempliamo le sue catenazze, i suoi bracciali fregati direttamente dalla tomba di Notorious, la sua gestualità poco stereotipata, l’espressione intelligente e vivace.
Vabbè, sono stufo di scrivere cazzate per oggi. Se non dovessi farmi vivo, AUGURO A TUTTI BUONA PASQUA [CHE CORDIALMENTE DETESTO].
Per la cronaca, questo video è presente nel mio lettore. Sono vittima del trash.
Annunci
24 commenti leave one →
  1. monicagellerb permalink
    aprile 4, 2007 3:14 pm

    La signorina ha una mise molto sobria, elegante e delicata.Un sorriso fantastico e caloroso.

  2. Uriel permalink
    aprile 4, 2007 4:37 pm

    E’ una dea. Le mancano una decina di chili, e poi ascendera’ all’ Olimpo.Uriel

  3. Captain's Charisma permalink
    aprile 4, 2007 4:43 pm

    E devo ammettere che la tipa è proprio bruttina ;)))))))

  4. L'Anonimo permalink
    aprile 4, 2007 5:29 pm

    Il secondo è Claudio Lippi da giovane.Ciao 🙂

  5. Anonymous permalink
    aprile 4, 2007 7:17 pm

    senza parole -.-“”che tamarri…non c’è limite al trash!!cmq tutto bene..tu?gli esami?io sono stranamente felice O.o

  6. Giuy permalink
    aprile 5, 2007 6:45 am

    Le signorine mi pareva di averle viste sulla statale Verona-Peschiera.

  7. Valentina permalink
    aprile 5, 2007 1:25 pm

    Credo che commentare queste immagini sia superfluo.Dire che questo video è pieno di tamarre è abbastanza — e ho detto SOLO abbastanza — riduttivo — e ho detto SOLO riduttivo!–.Baci abbracci e tante belle cosePs. ma ‘sto manoscritto? Che fai? Hai paura di mandarmelo! ahahah :°)

  8. Nanni permalink
    aprile 5, 2007 4:24 pm

    Parlacene và! Siamo tutt’occhi!

  9. annarella permalink
    aprile 6, 2007 9:48 am

    Ti ha colpito di piu’ i 4 KG di ferro al collo del tipo o il lavoro del loro dentista ?

  10. Nanni permalink
    aprile 6, 2007 12:07 pm

    Salve vittima del trash! Secondo me la versione italiana di Pimp My Wheels era quella veramente triste… Io l’americanata ogni tanto la guardavo e non mi dispiaceva! Lo spirito tamarro che è in me si sentiva appagato! A risentirla!

  11. Giuy permalink
    aprile 6, 2007 3:33 pm

    Non ti tormentare troppo che si vede che sono rifatte 🙂

  12. Anonymous permalink
    aprile 6, 2007 4:22 pm

    pimp my wheels era orrido. oltre che x i gemelli diversi (che grido mi sta sempre più sul cazzo dopo il diss a fibra) anche xkè si vedeva da due chilometri che stavano recitando..mica come quello scemo di mad mike!

  13. Ghebuz permalink
    aprile 7, 2007 8:34 am

    @MonicaGellerB: chissà quanto ha pagato per permettersi una tale pregiata dentatura. Secondo me è andata in Croazia.@Uriel: esiste una dea della tamarraggine? Se no, possiamo farla passare per lei!@Captain’s Charisma: e sì che è truccata molto pesantemente in questo video, vorrei proprio vederla in versione nature mentre è seduta sulla tazza del cesso…oh oh oh@L’anonimo: ma quindi soffre di svitiligine. Povero Lippi, quante cose nasconde il suo passato.@Anonimo: sei stranamente felice?O_o inquietante! Sugli esami non mi pronuncio, è meglio così!@Giuy: in 1a media, di ritorno da uno di quei centri commerciali lungo quella famigerata, ne contai 20-21. E questo alle 4 di pomeriggio O_o Mi hanno fatto una pena…@Valentina: sei rimasta alquanto allocchita vero?:-P Comunque per il resto va bene dai, tante buone cose pure a te!Il manoscritto chissà quando lo vedrai..oh oh oh (cioè, non sarò neanche ad un 1/23 del totale…)@Annarella: indubbiamente il lavoro del dentista, vuoi mettere?@Nanni: Pimp My Wheels non l’ho mai potuto tollerare, i Gemelli Diversi che si atteggiavano a faighi e che parlavano in maniera da cerebrolesi mi mettevano tanta tristezza addosso. Pimp my ride è tutta un’altra storia, dove le trovi le macchine con dentro 551 schermi tv, playstation, mini-campi da basket, fiumi in miniatura, etc.@Giuy: poverina, appena 22 anni e già le tette rifatte…ah, si vede che aveva una prima scarsa!@Anonimo: concordo in tutto e per tutto!

  14. Uriel permalink
    aprile 7, 2007 9:12 am

    Se esiste una dea della tamaraggine? Certo che esiste. E’ mia cuggina.Uriel

  15. Tommy permalink
    aprile 9, 2007 7:14 pm

    Se avessero fatto una vera versione di Pimp my ride italiana, avrebbero pimpato Pande, Tipo, Uno, Dune e scatolette varie. Vuoi mettere che figo? Sarebbero stati sepolti dal loro trash!

  16. LaraD permalink
    aprile 9, 2007 8:07 pm

    Io ti vedo.

  17. LaraD permalink
    aprile 9, 2007 8:15 pm

    ciau! 😉

  18. Ghebuz permalink
    aprile 10, 2007 8:04 am

    @Uriel: apperò, allora devo assolutamente conoscere tua cugina se è così tamarra!@Tommy: una Duna pimpata!Non riesco ad immaginare niente di più raccapricciante!@LaraD: per questo motivo ho inserito l’allarme stanotte!

  19. blixxxa permalink
    aprile 10, 2007 10:13 am

    non vorrei trovarmeli davanti per strada neanche morta. brutti ceffi, già.p.s. odio la pasqua tanto quanto amo il natale. per fortuna è passata, pfiuuu…

  20. Ghebuz permalink
    aprile 10, 2007 11:06 am

    @Blixxxa: dove abito io a Padova pullula di omini e donnine del genere, però nessuno/a porta i paradenti. Altrimenti li avrei fermati e mi sarei fatto firmare un autografo.Odio anch’io la Pasqua, aaah!

  21. Uriel permalink
    aprile 10, 2007 1:34 pm

    @Ghebuz: un giorno ti raccontero’ la storia della mia tamarrissima cugina. Che adesso e’ in UK, dove e’ esplosa la sua tamarraggine, e quindi sara’ difficile per te goderne…Uriel

  22. Ghebuz permalink
    aprile 10, 2007 4:06 pm

    @Uriel: nooo, potrei potenzialmente perdermi questa trashaggine fine a sè stessa. Devo migrare per forza in UK.

  23. Uriel permalink
    aprile 11, 2007 3:57 pm

    @gheba: non e’ semplicemente trash. E’ crap. Era una ragazza carpigiana che se la tirava come una carpigiana (appunto) , e veniva trattata come una principessina dalla madre parrucchiera. Un giorno, la principessina se ne va (come e’ ovvio per i figli di ceti altolocati come le parrucchiere) a studiare ad Oxford. Premessa: io ero il MALE. Capelli lunghi, vestito metal, abitudini sessuali oltraggiose, etc etc. Cioe’, tutti mi scassavano la minkia con lei, cpito? Ordunque, ella parte per OXford. Figurati lo scassamento di minchia con lei che va ad oxford, e che brava e che bella. Qualche anno dopo, mentre io plebeo studio a bologna (che non e mica Oxford), mi viene chiesto di andarla a prendere in aereoporto in quanto e di ospitarla a casa per via di questioni logistiche avverse. Vado in aereoporto, e m la trovo davanti. Con, nell’ordine: Capello Cotonato come Tina Turner. Body di pelle nera con lacci sul davanti e abbondante tettame esposto. Pantacollant con medesimi lacci sul lato della gamba. Tacco a spillo. Borsetta LEO-PAR-DA-TA! Sai cosa significa una cosi’ con una borsetta leopardata? La sera, mentre ci sbronziamo di birra al Druido di via mascarella, lacuggina mi spiega che e’ ad oxford a studiare, ma ad oxford ci stanno un sacco di universita’ che non sono quella di oxford ma sono ad oxford. Insomma, sua madre si spara solo delle pose. Ha un taguaggio sull’inguine e uno sulla spalla. Che mi mostra. Ha un piercing su un capezzolo. Che mi mostra. Fa collezione dei bigliettini che le bagasce lasciano dentro le cabine del telefono, e il suo pezzo forte e’ di una tale che prima faceva la suora (dice) e poi si e’ messa a fare la bagascia, ma sempre in abito talare. Cioe’, non si puo’ capire QUANTO fosse tamarra. Una dea. E’ un peccato che fosse una cuggina. Uriel

  24. Ghebuz permalink
    aprile 21, 2007 7:06 am

    @Uriel: nooo, mi sono appena accorto di questo commento O_oFantastica la tua storia, così come fantastici tutti i minimi dettagli.Anch’io vorrei una cugggina tamarra in questo modo, ma le mie cugggine non si avvicinano nemmeno lontanamente a quello che tu hai sapientemente descritto [cioè, forse una sì, ma non tanto e soprattutto non mi conviene dirlo in questa sede]. Chissà cosa le era successo ad Oxford…fossi in te io indagherei, manderei un investigatore privato, chi lo sa!Io non ho mai pensato di collezionare i bigliettini delle puttane [ma in compenso alle medie avevo l’abitudine di leggere gli annunci di coppie scambiste, singole, singoli, meretrix e mistress allegramente pubblicati sul Bazar sotto la falsissima e ipocrita dicitura: Contatti – Messaggi]Eri il MALE???O_o

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: