Skip to content

LA NOTTE PRIMA DEGLI ESAMI…

giugno 23, 2007
PREMESSA METODOLOGICA: Il titolo di questo post non vuole assolutamente celebrare nè il film di Fausto Brizzi, nè la canzone di Antonello Venditti. Gheba schifa il film e soprattutto schifa un buon 90% della musica italiana, e il povero Venditti non rientra nel 10% che si salva.
Ah ah ah, in questi giorni si stanno svolgendo gli esami di maturità…perchè non parlare quindi di come ho vissuto quella drammatica esperienza?
Che originalità! Penserete.
Infatti, avevo in mente un altro genere di post, ma inquietanti avvenimenti del passato mi hanno fatto cambiare idea. Prima che mi dimentichi: in bocca al lupo a Stefano!
LA LOCATION
Correva l’anno 2003 e, ovviamente, con la sfiga che mi ritrovavo (e mi ritrovo tutt’ora) mi sono beccato l’estate più calda degli ultimi 42563 anni: già questo lasciava presagire solo il peggio.
Per scappare alla cappa malefica che opprimeva tutta la Busa, insieme ad un po’ di amici mi rifugiai a studiare in montagna, all’ombra di alberi secolari (corrosi dalle piogge acide e ora giustamente tagliati) e con i piedi in pratiche bacinelle ricolme di acqua e aghi di pino.
LO STUDIO
I miei appunti non li ho nemmeno toccati; in compenso per ripassare ho fregato gli appunti ad una mia amica secchiona. Le materie che mi preoccupavano di meno erano italiano,inglese,francese e biologia, quelle che mi inquietavano di più matematica, tedesco e latino. Da ricordare lo studio (a memoria) del De Rerum Natura (ma Lucrezio darsi ai baccanali no?), visto che non ho mai imparato latino in 5 anni di liceo.
LA TESINA
Non so voi, ma nella mia classe quasi tutti hanno presentato tesine su argomenti felici et corroboranti: il Nazismo, il Fascismo, la situazione nord-irlandese, Guerre strane, bla bla bla.
Io, per non essere da meno, presentai una orripilante tesina sull’attacco nucleare di Hiroshima e Nagasaki, scritta con pressapochismo e con uno spietato lavoro di copia-incolla in 3 giorni prima della fine delle lezioni.
Una cogliona in classe con me ebbe la geniale idea di scrivere una tesi sull’estetismo. La prof chiese la motivazione, e lei si indicò la faccia [deturpata dalle lampade]:”Cioè, insomma…non so se mi ha visto”. Il gelo.
Sempre questa cogliona mi mandò un sms 6 giorni prima degli orali, chiedendomi:”Puoi cercare su Internet una tesi sull’Estetismo???Grazie. Baci.”
LA PROVA SCRITTA D’ITALIANO
La sera prima, da perfetto imbecille, mi misi a navigare in rete alla ricerca di qualche possibile traccia. Speravo in Gadda (io adoro Gadda), in Moravia o addirittura in Svevo (dalla disperazione), ma assolutamente temevo Pirandello e Calvino, visto che mi hanno sempre fatto schifo. Disperato, su Studenti.it trovai un link ad un sito australiano…con il fuso orario, da quelle parti la maturità era già iniziata nelle scuole italiane. Il testo da analizzare era “Mi illumino di immenso” di Ungaretti, i saggi brevi su Moana Pozzi. Forse era un bluff. Imprecai.
Il giorno dopo, ansiato come non mai, arrivai a scuola, per scoprire subito dopo il testo prescelto. “Il piacere dell’onestà” di Pirandello, volevo morire. Anche le altre tracce erano deprimenti: una roba sulla poesia nella società attuale, una sull’acqua e una sulla repressione politica nei sistemi totalitari; ovviamente scelsi quest’ultimo, creando un saggio breve pieno di banalità.
LA PROVA SCRITTA IN LINGUA STRANIERA
Scelsi ovviamente l’inglese: in tedesco avrei perso 34342 ore a coniugare in maniera opportuna i verbi, a cercare gli articoli delle parole, declinazioni, casi, etc. etc. ; francese poteva essere un’opportunità, ma i testi proposti mi facevano cagare.
Inoltre la prof. di inglese mi adorava, mi regalava sempre 8 anche se dicevo o scrivevo cazzate clamorose: era la mia scelta vincente e mi lancia nell’analisi di un articolo riguardante la morte di un famoso imprenditore teatrale londinese. La parte di produzione scritta invece proponeva la scrittura di un articolo simile, parlando della vita di un personaggio famoso appena deceduto o vivo, ma comunque facendo finta fosse morto. Io ero nel panico: chi cazzo dovevo far morire?Una mia amica si girò e mi disse:”Io faccio morire Dolores O’Riordan dei Cranberries…tu?” Cosa inventai allora?Un personaggio inesistente, quindi scrissi un delirante articolo sulla tristerrima dipartita di Jennifer Russo, notissima attrice italo-portoricana nata e cresciuta negli Stati Uniti, praticamente un parto malriuscito tra Jennifer Lopez e Carmen Russo. La mia composizione si concludeva nella retorica più trash, con una frase ad effetto:”An another star is dead. Goodbye, Jennifer…”
LA TERZA PROVA (GNA-AH)
Per ripassare passammo un week end nell’appartamento in montagna di un nostro compagno di classe, un tristissimo buco disabitato da 4-5 anni. Nel frigo c’era della mayonnaise scaduta nel 2001, sul mobiletto in sala una copia di Gente risalente al 1998, con in copertina quella grandissima attrice che è Claudia Koll (per intenderci, quando era ancora un troione nelle mani di Tinto Brass e non una catto-qualcosa timorata di Dio che vaga sulle spiagge a smaronare i bagnanti con discorsi su sesso&demonio e che si diletta nel costruire pozzi per qualche villaggio del Burkina Faso). Comunque, ripassammo allegramente e ci nutrimmo con della pasta al timo (scaduto anche questo nel millennio precedente) e con del melone: gli avanzi, riposti in frigo, sicuramente si troveranno ancora nello stesso posto.
Il giorno dopo stavo per impazzire, sapevo già che le quattro materie erano: matematica, latino, tedesco e filosofia, casualmente dove andavo peggio. Matematica??Gna-ah, ho rischiato il debito per 4 anni. Latino???Gna-ah, memorizzavo e basta, non ho mai tradotto seriamente. Tedesco???Gna-ah, no comment. Filosofia???Ho sempre provato un profondo disprezzo per quella disciplina, dai tempi di Anassimene e Anassimandro in poi.
Sdraiato sull’erba (bruciacchiata dal sole) fuori dal liceo, di fronte alla cabina elettrica spostata in giardino in quanto emetteva radiazioni pericolose per la salute delle donnine del pedagogico, passai momenti traumatici. In combutta con una mia compagna di classe pseudo-no global/new age/hippy/tanta minchia sperimentai una particolare tecnica di respirazione, con lo scopo di andare in iperventilazione, collassare e saltare la prova. Non ce la feci.
La prova fu un trauma, buttai via 1 h e 20 minuti per tedesco; alle due domande di filosofia su Nietzche e Bergson dedicai ben 10 minuti, e infatti si è visto poi.
L’ORALE
Il mio cognome inizia con la lettera T: ovviamente, quale lettera è stata sorteggiata per andare a decidere l’ordine delle interrogazioni?La V. Quindi sono stato il penultimo del liceo (e l’ultimo della mia classe) ad affrontare l’ultima parte della maturità.
Dico solo che stavo sclerando come non mai i giorni prima, per una serie di motivi:
A)Non sarei mai riuscito a dire tutta la parte iniziale della tesina, quindi ho dovuto tagliarla. L’espansionismo giapponese in Asia è andato allegramente a farsi fottere.
B)Ho schiavizzato parentame vario nel realizzare un allegro video da proiettare mentre raccontavo, con dovizia di particolari truculenti, lo sgancio della bomba atomica su Hiroshima e Nagasaki: immagini di repertorio mixate all’ipotetica distruzione di Kansas City nel film “The Day After”.
C)Continuavo ad essere chiamato a casa da povere telefoniste schiavizzate da strane società di telemarketing. “Salve, volevo chiederLe che impatto ha nella sua vita la centrale dell’Enel di Riva del Garda. Basso, medio o alto?” “Mmmh, medio?”
D)Sempre in quel periodo quella ruganta della Venier conduceva un orripilante gioco televisivo che consisteva nel chiamare a casa, dopo cena, degli italiani ignari per porre domande di dubbio gusto. Un mio amico temeva di essere contattato dalla donnina in questione, quindi la sera prima del suo orale mi misi a chiamarlo sperando di metterlo in crisi: grazie alla mia proverbiale puntualità feci squillare il telefono nel momento esatto, tale amico mi rispose, quei 30-40 secondi dopo, con “Pensavo fosse quella vacca…” aaah.
Dell’interrogazione ricordo solo alcuni momenti:
A)La mia ansia prima, stavo correndo avanti e indietro per i corridoi del liceo senza un motivo.
B)La mia postura sulla sedia davanti alla commissione: braccia ciondolanti dietro il poggiaschiena, sedere quasi fuori dalla sedia, gambe scomparse chissà dove.
C)Finita la presentazione mi girai verso il pubblico urlando:”Come sono andato?Come sono andato?Eh?”
D)La prof. di inglese rise di gusto a leggere la mia storia bacata su Jennifer Russo.
E)Il video, riuscito in bianco e nero, attivato da una mia amica che aveva la funzione di velina.
F)I libri di francese, gettati di peso a terra finite le domande poste da Maison Royale.
G)La domanda di italiano. Cazzo, alla fine della Coscienza di Zeno si parla in maniera esplicita di una bomba che stanerà tutta quanta l’umanità, posta da un uomo più folle di tutti gli altri: praticamente un presagio sulla bomba atomica, creata pochi decenni dopo. Mi ero preparato tantaz su quell’argomento, sapevo vita, opere e miracoli di quel pirla di Svevo-Schmitz e invece??? “Daniele, parlami de – In morte del fratello Giovanni – di Foscolo…”
Le volevo sputare in un occhio. Non so, a questo punto chiedimi pure il Paradiso di Dante, non so, tanto fanno schifo uguale.
H)La prof di tedesco si lanciò in un discorso pacifista contro la bomba atomica, le guerre e tutte le tragedie del mondo.
I)La prof di matematica mi chiese:”Ma perchè hai sbagliato mezzo studio di funzione mentre il disegno è completamente giusto?” “Ehm…”
IL DOPO
Arrivato a casa, come promesso a me stesso e a un po’ di gentaglia, mi feci i capelli blu. Quella sera ci fu una grande festa di fine maturità, ricordo solo che dovevo accompagnare a casa un mio compagno di classe ciucco, temevo pezzasse la macchina con tutto il suo vomito.
Due giorni dopo uscirono i voti, stranamente andò meglio del previsto.
Il giorno dopo ancora partimmo per l’isola di Ibiza: i capelli blu divennero prima verdognoli e poi giallastri, ma questa è un’altra storia.
Annunci
16 commenti leave one →
  1. blixxxa permalink
    giugno 24, 2007 11:14 am

    O______Oe poi????

  2. Annarella permalink
    giugno 24, 2007 2:37 pm

    Gheba does Ibiza suona come interessante 😉

  3. Tommy permalink
    giugno 24, 2007 9:03 pm

    “L’Estetismo? Cioè, insomma…non so se mi ha visto” è veramente una perla!!!

  4. giugno 25, 2007 10:29 am

    però, complimenti per la memoria…io la maturità l’ho fatta l’anno scorso e l’ho già rimossa!!!

  5. Stefano Gallagher permalink
    giugno 25, 2007 12:16 pm

    Grazie, crepi! Che onore, addirittura citato in un post!Anch’io devo fare qualcosa di signficativo dopo la maturità… per esempio potrei smettere di radermi, così che i miei futuri compagni d’università comincino a chiamarmi “Gennargentu”. E comunque ribadisco che le composizioni che danno per la seconda prova linguistica sono delle beneremite TROIATE.

  6. NanniPirlètta permalink
    giugno 25, 2007 2:46 pm

    Che argomenti allegri per le tesine… Io l’avevo fatta sulla pubblicità 😛Con i capelli blu tanto tanto ma verdognoli o giallastri non ti ci vedo proprio!Che palle però… Tu due giorni dopo la maturità andavi in vacanza, io iniziavo a lavorare Grrr!!Come succederà per la laurea! Però a settembre Portogallo!! E forse pure Marocco… E’ passato di qui un invito per Berlino ma non so se accettarlo!Ah! Giusto per metterti invidia io matematica non l’ho avuta alla maturità… BUAHUAHUAH!!Bacino.

  7. Anonymous permalink
    giugno 26, 2007 3:48 pm

    Sono sempre io quella povera anonima che sta facendo la maturità che ogni tanto ti lascia qualche commento….Comunque chiedere al pubblico “come sono andato?come sono andatao!eh?” deve essere stata una scena stupenda!Lo farei anche io se non mi ritrovassi in un bigotissimo liceo di suore!!!!!Non apprezzerebbero questa perla di ironia!LA mia tesina non è stato un difficlissimo copia e incolla ma semplicemente uno “stampa” dato che ho riciclato il brillante discorso della mia sorellona secchia sulla comunicazione XD!!solo che forse dovrei studiarmelo….Comunque mi auguro che pubblicherai presto una biografia della grandissima Jennifer Russo(ma anche lei ha avuto una brillante carriera da ballerina sposata con una sorta di scimpazè gay ed ha soggiornato sull’isola dei coglioni??)

  8. Ghebuz permalink
    giugno 26, 2007 4:04 pm

    @Blixxxa: ta dà, ecco il resto della mia delirante storia 😛@Annarella: och, è stata una delle esperienze più trash della mia esistenza, mai visti così tanti cocainomani e così tanti trans O_o@Tommy: era una donnina veramente intelligente, ogni tanto puoi beccarla in topless mentre prende il sole sul Garda.@K: vedi, a forza di assumere droghe leggere?:-P@Stefano Gallagher: ho appena letto sul tuo blog del 45/45…ma vai a cagare 😛Io avevo preso 39/45, 13 della prima prova, 14 della seconda e ovviamente 12 della terza, ma mi andava benissimo così. Potresti comunque sul serio smettere di farti la barba!@Nannì: con i capelli blu ero stra-fashion!Un’altra volta me li feci blu e viola, sembravo un demente psicopatico direttamente uscito dal periodo glam di David Bowie, che trash.Se ti può consolare, quest’estate per me sarà devastante 😦 tra siti internet da progettare, studio, Autocad e boiate varie…aah!In Portogallo, in Marocco e a Berlino non ci andrai mai 😀@Anonimo: in bocca al lupo allora!:-PIo penso sarei morto in una scuola di suore. Già alle medie c’era una cogliona che ci obbligava a pregare tutte le mattine (ed era una scuola pubblica e laica) e ciò mi stava già sulle palle…figurati cosa sarebbe potuto accadere in una scuola di suore!Aaaah!Gheba-sclero!Nooo!La storia di Jennifer Russo è toccante: nata da padre italiano e madre portoricana in un ghetto di New York, è man mano riuscita a scalare le vette del successo, diventando, grazie al suo look esotico e alla sua caparbietà, la prima attrice non wasp a vincere l’Oscar come migliore attrice.Poi a 70 anni e qualcosa è miseramente collassata, dopo una vita di disolutezze sul campo sentimentale, tanto alcool, tanta coca, tanti mariti e tanti nipoti.

  9. Annarella permalink
    giugno 26, 2007 4:19 pm

    Gheba spero che un giorno tu ce ne farai un sunto 🙂Mi e’ capitato questo link che vorrei sottoporti in quanto Esperto di tamarre 😀

  10. sam permalink
    giugno 26, 2007 4:56 pm

    non commenterò il post (per ora) …ma solo il tema maturità…!!!vorrei ricordare che il mio anno è uscito Dante…!!!?? no comment…per cui dai, siamo pari con la tua annata del caldo!

  11. Lario3 permalink
    giugno 27, 2007 4:28 pm

    E’ pur sempre una casa (anche se fatta con i Blue) 😀CIAO!!!

  12. Flavia permalink
    giugno 28, 2007 9:11 pm

    La premessa rovina il post. Tutti, adesso, vogliono due cose: essere Moccia e vivere la notte prima degli esami. Insomma, bisgona essere alla moda. Eccome.

  13. Stefano Gallagher permalink
    giugno 28, 2007 11:41 pm

    Ultimamente sto raccogliendo una lunghissima serie di vaffanculo e vaccagare! Ormai faccio la collezione 😉Però mi sento un po’ fuori luogo, visto che 45 l’ha preso il secchione della mia classe alle medie, uno che quando aveva la febbre, per <>rilassarsi<> si leggeva l’Odissea in greco antico!

  14. blixxxa permalink
    giugno 29, 2007 1:54 am

    evviva!il finale è bellissimo…🙂

  15. NanniPirlètta permalink
    giugno 29, 2007 7:24 pm

    Ho messo circa 1 ora a decifrare “omg” che mi hai scritto sul messaggio… Ce l’ho fatta!! Oh my God!!Cmq sto abbastanza bene: ho una spalla dolorante qualche livido qui e là e devo tenere il collare per una settimana.Che strapalle.Bacio.

  16. Ghebuz permalink
    luglio 1, 2007 8:11 am

    @Annarella: non preoccuparti, ne avrai un sunto. Quale link?O_o@Sam: anche il tuo anno è uscito Dante?Gna-ah, avevo rimosso questo piccolo particolare!@Lario3: che solidità!@Flavia: grazie per la visita al mio orrido blog!Non tutti, infatti io non vorrei mai essere Moccia…sai che angoscia?@StefanoGallagher: l’Odissea in greco antico deve essere un tomo veramente poco invidiabile…inizio a temere O_o@Blixxxa: eeeh, che ne pensi allora?@Nannì: te l’ho detto, quella Smart porta sfiga!:-P

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: