Skip to content

UNA GIOIOSA DOMENICA NOVEMBRINA

novembre 16, 2009

Domenica 15 novembre. La classica tristissima domenica di novembre, con un tempo di merda, la nebbia agli irti colli e ogni possibilità di divertimento azzerata.

Cugina di Gheba, annichilita sul divano di fronte al mio:”Oh, possiamo andare alla Grande Mela con la XXXXXX” (una sua amica). Per chi non lo sapesse, la Grande Mela è un centro commerciale nei pressi di Verona, formato da una struttura tamarrissima con una grande mela in cima alla costruzione, raggiungibile dal Lago di Garda attraverso una fantastica strada statale costellata da pioppi e nigeriane.

Dopo circa un’oretta e mezza, eccoci alla Grande Mela, ovviamente CHIUSA, eccezion fatta per l’ultimo piano, dove regna un multisala (tra i film in programma, l’importante Amore 14 di quel coglione di Moccia), una sala da bowling (piena), alcune sale giochi piene di famigliole cinesi intente a sollazzarsi con il Mahjong e di maghrebini con velleità da breakdancer alle prese con macchine di Dance Dance Revolution risalenti agli anni’90, un unico negozio aperto (lo spaccio di Hello Kitty), un McDonald’s, una pizzeria (di merda) e una sotto-specie di kebabbaro.

Morale della storia: ci siamo fatti quei 120 km (avanti e indietro) solo per mangiare, ma è stato bello lo stesso, un po’ come il mio ultimo 25 aprile passato tra l’Ikea di Corsico e il prestiggggioso McDonald’s di Cologno Monzese, dove alle quattro di pomeriggio gli unici clienti eravamo io, i miei amici, e una banda di Latin King.

Per la cronaca, ho dato il colpo di grazia al mio fegato con un kebab unto da far paura (e con le salse peggiori del mondo), un fritto misto di nonsobenecosa (ho riconosciuto dei gamberetti, delle mozzarelline impanate e delle chele di granchio) e una Pepsi, già tanto se non ho piazzato di vomito qualche casellante lungo l’autostrada. In compenso mia cugina e la sua amica si sono vinte dei tamarrissimi peluche giocando agli Ufo Catcher.

Annunci
9 commenti leave one →
  1. Sere permalink
    novembre 16, 2009 1:55 pm

    L’ikea di Corsico è un must, però ti manca ancora quella di Carugate che spacca un cifro!
    Ah, quanto siamo cosmopoliti noi italiani, abbiamo anche NY nel nostro mafioso e ridente paesello. Ti farò vedere invece i miei proficui acquisti di ieri 😛

  2. novembre 17, 2009 1:04 pm

    @Sere: ma forse ho visto anche quella di Carugate…boh, di Milano conosco i luoghi più trash, mentre il centro mi è estraneo O_O

  3. novembre 17, 2009 2:18 pm

    Viva l’Ikea 😀

    Grazie mille per il commento, CIAO!!! 😀

  4. Sam permalink
    novembre 17, 2009 6:07 pm

    Dani!!!! Ho scoperto il tuo nuovo blog!!! 🙂
    Sono arrivata un po’ tardi…hihi!
    Bene bene, così ho saputo tutto del vostro giro alla Grande Mela!
    Io sono stata sabato, ho visto Bruno…..aiuto!!!

  5. giuy permalink
    novembre 17, 2009 6:40 pm

    Molto meglio il Galaxya o le Corti Venete, ma mi sa che anche questi supermercati sono chiusi la domenica.
    Proprio nei pressi della Grande Mela, mi fai venire in mente che ho bevuto il caffè più schifoso della mia vita, servito da una cameriera tamarra con delle unghie che non credo abbiano mai visto il sapone…ma che dico il sapone…manco l’acqua!
    La prossima volta che vai da quelle parti, ti fornisco il recapito giusto così se poi ci aggiungi il kebab dell’ultimo piano, asfalti l’A22 fino a trento 😉
    Un salutone e bentrovato!

  6. novembre 17, 2009 8:44 pm

    @Lario3: e la sedia Skruvsta!

    @Sam: eh eh, non sei arrivata tanto tardi dai…eh, ho saputo del tuo commento su Brüno…a me ispira abbastanza, ma è davvero un film per lesi? Tutto bene con lo stage per il resto?

    @Giuy: ma ciao!Grazie mille per il bentrovato 😀
    Alle Corti Venete o al Galaxya non sono mai andato, sono un fan dell’outlet di Francia Corta in compenso…cmq che bello il tuo racconto, ma per fortuna non sono ancora diventato caffeinomane XD

  7. Sam permalink
    novembre 18, 2009 3:09 pm

    A te il film piacerebbe di sicuro! Ti anticipo solo che c’è un pene danzante a ritmo di musica e parlante… No beh, alla fine è un film da vedere, ti colpisce un po’ ecco…
    Io tutto bien, anche con lo stage…a proposito, ora esco dal fancazzismo e produco qualcosa va!
    Ciao ciao….viva viva il blog di gheba…ghebuzpensiero will never die…:-D ok basta…

  8. novembre 18, 2009 7:36 pm

    @Sam: eh, una critica spietata alla civiltà americana?:D
    Ma sbaglio o ghebuzpensiero will never die è una dotta citazione da una mia frase scritta in qualche aula patavina?XD

  9. novembre 18, 2009 8:06 pm

    manca però la descrizione dell’entusiasmo con cui abbiamo “pescato” quei peluches……ci guardavano tutti..hihihi 🙂 e le crepes alla nutella fatte con crepes precotte….orrible…da mc donald a confronto ti danno hambuerger freschi…ihihih 😛

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: