Skip to content

PAPEROPOLI DECADENCE #3

ottobre 10, 2006
Visto che mi sento particolarmente ispirato a scrivere boiate ( ringrazio il nuovo video dei Zero assoluto con quei deficienti immersi nell’erba, li divorasse un boa constrictor), ho deciso di continuare la fantastica saga di Paperopoli Decadence, con un nuovo episodio.
Riassunto delle puntate precedenti: Qui sta diventando il migliore alleato di Pera, Ruini e Ratzinger nel denunciare il declino morale dell’Occidente, ma [giustamente] viene zittito e umiliato dal resto del mondo, visto che anche la sua famiglia si sta rivelando giusto un pochettino disfunzionale.
Deposito di Paperone, decadente costruzione esempio di architettura brutalista, posta sulla collina più alta di Paperopoli. L’allegro edificio è stranamente circondato da una folla di gente sventolante bandiere arcobaleno che sta protestando contro Paperone, che sta devastando l’ecosistema con le sue industrie.
Interno dell’edificio.
Paperone, sbirciando dalla finestrella: “Squaraquack, no global del cazzo. Non capisco cosa abbiano da protestare questa volta…non capisco queste velleità comunistoidi di voler salvare questo mondo a tutti i costi…”
Paperino e Qui, simpatizzanti (ma non dichiarati) con la folla: “Zio, ragiona un momentino. Forse dovresti ritirare dal commercio certi prodotti e adottare una politica di corporate social responsability un po’ azzeccata…insomma, l’unico atto di beneficenza che fai è regalare a Pasqua i panettoni avanzati delle tue industrie ai poveri orfanelli della città…”
Paperone, stizzito: “Ma non rompete il cazzo. Un dollaro risparmiato è un dollaro guadagnato, e così facendo ora mi ritrovo ricco come non mai e soprattutto non sono costretto a dare via il culo come Paperina. E poi, corporate social responsability, marketing, customer care…paroloni inglesi che non vogliono dire nulla, punto sul prodotto massificato e di qualità infima!”
Qui, con gli occhi lucidi, avvicinandosi allo zio: “Zio, ma davvero non provi un po’ di pietà per quello che stai facendo?Lo sai che verrai giudicato un giorno?”
Paperone, schifato:”Qui, che puzza…non sarai ancora caduto nelle fogne?E come mai rompi ancora le palle?Paperino, non gli davi psicofarmaci?”
Quo, fino al momento silente, si avvicina alla finestra, poi si volta verso tutti, con voce flautata: “Uuh, zio Paperone, io ti capisco…guardali, sono dei pezzenti, insomma, non vestono D&G, Gucci, Fendi, prendono i loro cenci puzzosi al mercato, da quei paperi peruviani…brr, che mancanza di attitude, sto male!”
Paperone, visibilmente sconvolto:”Si si, Quo, hai ragione…” e poi, rivolto a Qui e Paperino:”Stavolta ‘sti stronzi stanno protestando per il mio latte in polvere che commercializzo in Africa, dicono che provochi la morte dei bambini, tutte balle…Quel latte non è stato studiato per uccidere i bambini, bensì per sterilizzarli!”.
Qui e Paperino, allucinati:”Squaraquack!Ma ti rendi conto di quello che stai facendo?Sei folle!”
Paperone, ridacchiando: “Non capite…quella gente fa troppi figli: meno paperi poveri nascono, meno paperi poveri cercano di migrare qui a Paperopoli e meno soldi spendo per ripulire le mie spiagge dai cadaveri di coloro che non ce l’hanno fatta…” e poi, spostandosi con un acrobatico saltello verso la finestra, prendendo in mano il binocolo:”La situazione sta diventando critica!” e premendo un pulsante:”Guardie, andate e massacrate!”
Qui e Paperino, ormai in lacrime, di fronte a tanta insensibilità (Quo è ancora turbato dai vestiti poco fashion dei manifestanti): “Non puoi relazionarti così con il mondo, dovresti aiutare le persone che stanno peggio di te…e poi, rischi un’ennesima denuncia per violazione dei diritti umani, il tuo esercito personale e i tuoi campi di prigionia sono stati paragonati ad Abu Ghraib…”
Paperone, godendo nel vedere i manifestanti massacrati a randellate, sproloquia ormai senza un filo logico:”Crepate, ah ah…la Foresta Amazzonica sarà una distesa di cemento armato…lo scioglimento dei ghiacci vi sommergerà…la gente non capisce…tonno contaminato dal mercurio…potenza nucleare…ah ahah ha ah…” e non si accorge di un rivolo giallastro che gli scende lungo le gambe, per poi formare una pozzanghera a terra.
Paperino, rivolto a Qui:”Oddio, si è pisciato addosso un’altra volta…che cazzo facciamo?Hai ancora il numero di quella badante?”
Non c’entra niente con quello scritto in precedenza, però da questo pomeriggio sto nutrendo un’insana attrazione per il video di Tokai, inquietante canzone di Anti Anti feat. Samuel & Veronica (gente di un certo livello, insomma…a ‘sto punto faccio un Besu Besu feat. Ruggero & Luana). Soprattutto quando misteriosamente cola vernice dal cielo…aaaah
Annunci
14 commenti leave one →
  1. Barbara23 permalink
    ottobre 10, 2006 10:37 am

    Vabbé che si chiama Paperopoli Decadence, ma a trattare con quel capitalista Zio Paperone avrei visto bene quel fricchettone hippy e sicuramente no-global di Pippo..! ;D

  2. Lario3 permalink
    ottobre 10, 2006 11:38 am

    Nella Buoncostume sono tutti simpatici 🙂CIAO!!!

  3. StephenD permalink
    ottobre 10, 2006 12:27 pm

    Paperone però ha ragione quando parla di paroloni inglesi senza significato come customer care, marketing ecc. ecc. ecc. 😉 Ma Quo qual’era? Il gay trendy? Io proporrei di riservare una manganellata anche a lui, per il suo intervento estemporaneo e inutile.

  4. Ghebuz permalink
    ottobre 10, 2006 1:12 pm

    @Barbara23: c’è già Paperoga a rivestire il fricchettone hippy della famiglia…per il momento risulta ancora scomparso, prossimamente penso di farlo ritornare, dopo essere stato imprigionato in una setta…@Lario3: per fortuna per il momento non ho avuto il piacere di conoscere qualcuno della Buoncostume!@StephenD: nooo, così mi distruggi anni e anni (?) di studio di tali termini…già mi sfottono quando parlo di queste cose…Quo esatto, è l’omo-papero fashion victim, prossimamente sarà protagonista pure lui di qualche fantastico episodio…oh oh ohTEMO LA DENUNCIA DELLA DISNEY

  5. Giuy permalink
    ottobre 10, 2006 2:17 pm

    Fai bene a temere la denuncia della Disney…ma Gaia nipote di Tata, adottata da Paperone per la precoce perdita dei suoi nell ruolo di un’ emergente cantante tamarra,in che puntata di Paperopoli decadence appare? 🙂Io farei entrare anche Brigitta nella serie 🙂

  6. Ghebuz permalink
    ottobre 10, 2006 6:49 pm

    @Giuly: avevo rimosso l’esistenza di Gaia, rientra in tutto quell’ambaradan di inutili ruoli secondari (Filo Sganga, Pico De Paperis, Anacleto,Chiquita, etc.)Brigitta sarà ovviamente una casalinga frustrata, potrebbe benissimo gestire una bisca clandestina ed essere la maitresse di una casa di appuntamenti che si rifà alla moda imperante del burlesque…e magari proverà un’insana attrazione per Paperina O_o

  7. ilditoarculo permalink
    ottobre 11, 2006 7:56 am

    certo che zio paperone è quasi erotico in questo racconto. così autoritario, ma anche rozzo. bello, davvero. salut.

  8. Giuy permalink
    ottobre 11, 2006 10:35 am

    Bah, io Gaia la vedevo bene in un ruolo del tipo “Britney Spears”, spinta da Paperone a fare concorsi da lolita del pop per far altri soldoni…incontra Quo con cui si sposa e sforna figli tamarri. Quo la sfrutta, la converte a patatine e coca cola per iscriverla a concorsi di rutti dove fa una strabiliante carriera. Con questi tuoi divertenti racconti mi hai contagiata…ti odierò per sempre per questo 😛

  9. Ghebuz permalink
    ottobre 11, 2006 11:24 am

    @Ilditoarculo: oddio, erotico non direi…grezzo senza dubbio!@Giuy: sono contento di aver stimolato la tua fantasia in questo senso!Gaia non era Paperetta Ye Ye cmq, ora che mi sovviene?Potrebbe sul serio partecipare a qualche reality show di quel tipo, e magari vendersi per un po’ di celebrità. Cmq non so se possa sposarsi con Quo, visto che quest’ultimo per il momento è gayo…lo farò diventare pomosexual per permettere tale unione!

  10. Lario3 permalink
    ottobre 11, 2006 12:51 pm

    Certo che è in commercio… mica scrivo cose fasulle io 😉CIAO!!!

  11. Ghebuz permalink
    ottobre 11, 2006 4:12 pm

    @Lario3: bene bene, saprò cosa regalarle al suo prossimo compleanno…

  12. Anonymous permalink
    ottobre 12, 2006 4:15 pm

    E Amelia nel ruolo della psicopatica eroinomane? O potrebbe pure fare il capo della setta che irretisce Paperoga. O potrebbe gestire un locale di facciata per un giro di papere-squillo di lusso. Adoro questa Paperopoli. Ybc

  13. Ghebuz permalink
    ottobre 12, 2006 4:33 pm

    @Anonimo: Amelia si è messa in proprio e vende prodotti per dimagrire miracolosi…ovviamente è una cocainomane repressa, con vibratore nel cassetto, e farà la fine di Wanna Marchi.Ne vedem!

  14. annarella permalink
    dicembre 17, 2006 2:55 pm

    “corporate social responsability, marketing, customer care” AAAAAAAAAAARGH! Mancano “user experience, accountability, content availability” e sembrerebbe il bingo delle c..ate che compilo a certe riunioni di lavoro 😛/me e’ giunta per caso a questo post che trova fantastico

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: